You are here:

Fabio Magrino - Manuale di sopravvivenza per il risparmiatore

Email

Si tratta di un vero e proprio “manuale di sopravvivenza” per il risparmiatore. Una guida semplice e pratica per indirizzare quelle scelte d’investimento che privilegiano la sicurezza del capitale, garantendo tuttavia un’adeguata remunerazione dei valori accantonati. Crisi economica, instabilità dei mercati finanziari, manovre correttive con tassi sempre più pesanti e tagli alle pensioni, infatti, ci costringono a salvaguardare il nostro patrimonio dall’inflazione, sottraendoci a pagare più imposte del dovuto e commissioni sempre più salate agli intermediari finanziari e alle banche.

 

Questo testo è un’autentica guida utile al risparmiatore per orientarsi nel labirinto di azioni, obbligazioni, titoli di Stato, certificati, quote di fondi e strumenti finanziari di varia natura. Il libro scritto da Fabio Magrino, giornalista autore di diversi scritti di matrice economico-finanziaria, è anche un manuale semplice e pratico che non propone “ricette” preconfezionate (anche perché ogni risparmiatore deve ritagliarsi un portafoglio a misura delle proprie esigenze), bensì una strategia d’investimento corretta per evitare non solo gli errori più gravi e quelli più comuni, ma anche le trappole dei titoli ad alto rischio e la rapacità del fisco.

La prima domanda da porsi leggendo questo interessante testo edito da Franco Angeli è dove investire. Ed è possibile individuare una risposta nel primo capitolo, dietro le dinamiche che portano alla crisi dei mercati finanziari europei e la sostenibilità del debito pubblico, passando dall’impatto della Manovra di stabilizzazione alle conseguenze per i risparmiatori, fino all’avversione al rischio delle famiglie italiane. Nella seconda parte, invece, il discorso si concentra sul nuovo regime fiscale delle rendite finanziarie. L’autore parla di una questione d’interesse, contrappone i redditi da lavoro a quelli da capitale, si concentra sull’effetto del “superbollo”, si sofferma sulla circolazione dell’Agenzia delle Entrate fino a dimostrare come si calcolano le imposte. Il terzo capitolo verte sul discorso (sempre molto attuale) della pensione “fai da te”. Quindi in cosa consiste la riforma della previdenza, quale aspettativa di vita dovrebbe avere un pensionato, come creare una pensione integrativa, quali sono le tipologie di fondi pensione e via discorrendo.

Nella sezione successiva, Fabio Magrino ci spiega come pianificare e gestire un portafoglio titoli attraverso l’analisi del profilo di rischio/ rendimento, il contratto di gestione patrimoniale e la Direttiva europea per la tutela degli investitori. Il quinto capitolo approfondisce invece l’aspetto dei fondi comuni d’investimento: come funzionano, quali sono le cinque tipologie che li contraddistinguono e come barcamenarsi nella giungla dei costi. Il sesto capitolo si sofferma su titoli di Stato e obbligazioni. Nella parte che segue, il canovaccio del discorso indugia sulle contrattazioni in Borsa (cosa rischiano gli azionisti, come funziona la Borsa valori, gli ordini di acquisto e di vendita, la chiusura della giornata, aumenti di capitale e gioco dell’Opa, i patti di sindacato). L’ottavo capitolo è molto utile per capire il funzionamento dei contratti a termine, il significato dei fondi speculativi o hedge funds, la contrapposizione fra rischi sicuri e rendimenti incerti, gli index founds. Nella penultima parte del testo, Magrino si sofferma sulla strategia del buon investitore (diversificare con metodo, la strategia per investire, la scelta di tempo, l’informazione, gli indici da tenere d’occhio, lo “stock picking” e l’analisi finanziaria). Nell’ultimo capitolo, infine, si rivolge uno sguardo al futuro parlando di Sepa, risparmiatore telematico, banca multicanale, reti superveloci e globalizzazione dei mercati. Ma non finisce qui, buona lettura.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna