You are here:

Terzo rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici

Email

Il pianeta “cancro” e gli alti costi sociali.

Fotografato il pianeta cancro in Italia dal “3° Rapporto sulla condizione assistenziale del malati oncologici” (pag. 224), predisposto dall’Osservatorio sulla condizione assistenziale dei malati oncologici e presentato, a Roma, il 12 maggio scorso. Il volume è stato realizzato dalla Federazione italiana della associazioni di volontariato in oncologia (FAVO) presieduta dal prof. Francesco De Lorenzo, dall’Associazione italiana oncologia medica presieduta dal prof. Carmelo Iacomo, dall’Istituto Tumori di Milano, dall’Inps e dal Ministero della Sanità e stampato con il contributo incondizionato di Novartis e Roche.

Tra i grandi temi del’Osservatorio, quelli della riduzione del costo sociale complessivo nel ciclo di vita dei pazienti oncologici. In attesa dei risultati di un’indagine su un campione nazionale di pazienti oncologici, allo stato attuale, dal Rapporto, è possibile proporre una stima dei costi sociali per il tumore alla mammella. Il costo annuale che pesa direttamente sulle persone colpite da tumore mammario (dato del 2010) risulta, da questa indagine, essere 142 milioni € annui; il costo annuale a carico delle persone e relative famiglie riferito a coloro che hanno avuto una diagnosi di tumore alla mammella nei 5 anni precedenti l’intervista, può essere stimato invece pari a oltre 700 milioni di euro annui. Il costo sociale complessivo, cioè i costi diretti a carico del Servizio sanitario nazionale e quelli privati, risulta invece pari a oltre 380 milioni di euro per i nuovi casi nel 2010 e a 1,9 miliardi per le persone con diagnosi di tumore nei cinque anni precedenti l’intervista. Anche nell’universo cancro sono state rilevate disparità assistenziali. Meno del 49% (il livello accettabile è del 70%) delle donne con tumore al seno ha eseguito una mammografia nei precedenti 15 mesi. Il valore medio nazionale, pari al 48,9%, oscilla dal 37,7% della Toscana al 53,7% della Lombardia. Allarme per i dati sulla qualità delle cure per il tumore al colon-retto e che riguardano la quota di malati che ha eseguito negli ultimi 36 mesi una colonscopia; in questo caso il dato medio nazionale è pari al 51,6%, ed ha un campo di oscillazione tra il 60,5% nel Veneto ed il 39,8% della Liguria, al 51,4 in Puglia e ben 49,8% in Basilicata. Differenze anche sensibili sono rilevate tra Regioni per dotazione di posti letto. Decisamente fuori media la Regione Molise (2,1 p.l. per 10.000 abitanti contro la media nazionale di 1,1). Seguono Sardegna (1,7) e Sicilia (1,6). In difetto di oltre il 50%, la P.A. di Bolzano e la Puglia.

Nel complesso, in Italia, i posti letto di oncologia medica, dopo l’incremento del 2008, sono rimasti quasi invariati nel 2009. Ma in diminuzione in Molise, Liguria, Veneto e Basilicata ed aumento in Puglia. Il prof. Iacomo segnala che in molte regioni chiudono i reparti oncologici inglobati nelle medicina generale dove non vi sono attrezzature né personale dedicati. La Basilicata continua ad essere priva di posti letto per radioterapia e la Puglia ne ha solo 8.

Il “turismo sanitario” è, purtroppo, confermato e riguarda soprattutto il Sud.Solo otto Regioni presentano un indice di attrazione superiore all’indice di fuga, sia per i ricoveri per tumore che per i ricoveri per chemioterapia. L’indice di fuga dalla Puglia, per i tumori, è 12,64 e quello di attrazione 5; per la Basilicata, rispettivamente 30,36 e 18,82, mentre, per la chemioterapia, la fuga è per la Puglia, 15,30 e l’attrazione 6,19. Per la Basilicata, da segnalare l’indice di attrazione 25,83 ma, non spiegabile, 29,96 di fuga. Secondo indagine Censis, 48 su 100 meridionali hanno dichiarato che, in presenza di una patologia, andrebbe in altra Regione e 39,1 disposto ad andare all’estero.

Il rapporto rileva la flessione del modesto numero di prestazioni specialistiche della Basilicata, che non solo eroga prestazioni, rapportate alla popolazione, doppie rispetto al resto d’Italia, le incrementa.

Commenti  

 
0 #1 Isidro 2014-07-07 18:11
Have you ever considered about including a little bit more
than just your articles? I mean, what you say is important
and everything. Nevertheless imagine if you added some great images or video clips to give your posts more, "pop"!
Your content is excellent but with pics and video clips, this site could certainly be one of the very best in its niche.
Very good blog!

Also visit my web blog ... change: http://www.google.com
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna