You are here:

YouTube

Ovvero il canale che ha cambiato gli stili di vita e di consumo di una larghissima parte della popolazione del pianeta.

Youtube È il 14 febbraio 2005: tre giovanissimi dipendenti di una società informatica americana (Paypal) specializzata in programmi di pagamento on line, Steve Chen, Chad Hurley e Jawed Karim, non riescono a mandare via mail il video di una cena tra amici nell’appartamento di Chen a San Francisco. Da qui l’idea di creare un sito per condividere filmati.

Il primo è “Me at the zoo”, pubblicato da Karim il 23 aprile dello stesso anno e della durata di 19 secondi: si vede l’uomo abbastanza imbarazzato in uno zoo di San Diego davanti al recinto degli elefanti.

Nasce così la storia di YouTube. E i tre soci si dividono immediatamente i compiti: Hurley, americano, 29 anni, è l’amministratore delegato, Chen, informatico di origine taiwanese, 27 anni, diventa il direttore tecnico, e Karim, originario della Germania dell’Est, 26 anni, è una sorta di consigliere factotum.

“Broadcast Yourself” è lo slogan della compagnia, che incita i propri utenti a dare sfogo alla loro creatività inserendo qualunque tipo di contributo video. Ed è davvero semplice caricare con pochi clic sul server del sito qualunque tipo di filmato: clip musicali, ricette di cucina, performance dal vivo dei propri artisti preferiti, estratti di episodi di serie tv, videoblog, e chi più ne ha, più ne metta.

Risultato? Un clamoroso successo su scala planetaria grazie alla semplicità d’utilizzo, alla vastità e alla diversità dei contenuti e alla possibilità di soddisfare il proprio narcisismo, così di moda in questi tempi. E così Google, solo un anno e mezzo dopo l’avvio di YouTube, acquista tutta la “baracca” per 1,65 miliardi di dollari pagati in azioni. Nel giugno del 2006, appena 14 mesi dopo il primo video caricato sul sito, si registrano oltre 65mila nuovi filmati aggiunti ogni giorno, con una media di 100 milioni di video visualizzati ogni 24 ore. A maggio 2009 il blog di Google annuncia felicemente il traguardo di 20 ore di video caricati ogni minuto nel mondo. Impressionante, ma forse lo è ancora di più l’idea, espressa in numeri da Hurley lo scorso ottobre, che ogni giorno vediamo in media un miliardo di video su YouTube.

“Il nostro utente medio passa 15 minuti al giorno sul sito”, dichiara al New York Times Hunter Walk, director producer manager di YouTube, mentre “si trascorrono cinque ore di fronte alla tv”. Ma queste ultime caleranno sempre più a favore del portale web 2.0 da cui passa anche la televisione del futuro.

Fabio Traversa

>> Sul giornale ulteriori approfondimenti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna