You are here:

Sky e Mediaset la guerra ora è a colpi di 3D

Email

Da novembre anche La7 con la nuova tecnologia.

Il mese di ottobre passerà alla storia per l’inizio di una nuova rivoluzione televisiva. E, ancora una volta, i due “contendenti” sono Sky e Mediaset Premium, che hanno annunciato con (inevitabile ma anche giustificata) enfasi l’avvio delle trasmissioni in 3d. Anche altre emittenti si muovono nella stessa direzione.

 

MEDIASET PREMIUM

Dal punto di vista temporale l’ha spuntata il network del digitale terrestre che, a partire da venerdì 1° ottobre, sta mandando in onda con la comoda modalità on demand (il film parte quando vuoi tu) titoli in versione tridimensionale (il primo è stato La leggenda di Beowulf del grande regista Robert Zemeckis, a cui seguono Final Destination, The Hole, Harry Potter e i Doni della Morte, Il Richiamo della Foresta, La Vendetta di Kitty, San Valentino di Sangue, Viaggio al Centro della Terra, Coraline, Scontro tra Titani). Per vederli è necessario essere dotati di una tv 3D e di un normale decoder Premium On Demand HD che, oltre al segnale in alta definizione, è anche abilitato a ricevere quello in tre dimensioni. Quest’apparecchio, disponibile in tutti i negozi di elettronica e nei centri commerciali, consente la ricezione digitale terrestre di tutti i normali canali tv e in più contiene una lista sempre aggiornata di 50 film e serie tv visibili i qualsiasi momento anche in alta definizione.

SKY

La tv satellitare, però, ha “vinto” la sfida riguardante la trasmissione in diretta di un evento in 3D. Si tratta della Ryder Cup di Golf, le cui giornate conclusive, domenica e lunedì scorsi (per la cronaca l’Europa ha battuto gli Usa 14,5-13,5), è stata proposta con una nuova modalità di visione per tutti gli abbonati al pacchetto Sport con decoder MySkyHd o SkyHd e in possesso di un televisore 3D e degli appositi occhiali.

I numeri e gli strumenti utilizzati parlano chiaro: 51 telecamere e tutte le riprese in Full HD, per la trasmissione in Alta Definizione, 41 telecamere cablate, 6 radio camere (ossia senza cavo), una Super Slomo (telecamera che permette di registrare un segnale ad una velocità tripla delle tradizionali Hd: questo permette di rivedere a rallentatore, con una fluidità molto maggiore, le sequenze registrate), una telecamera montata su un supporto speciale, il Jimmy Jib, che consente un maggior movimento in verticale, una Steady Cam (supporto speciale per riprese in movimento ancorato con uno speciale corpetto ad un operatore che comanda la telecamera, il quale ha un’abilitazione particolare e una struttura fisica adeguata in quanto l’attrezzatura che indossa ha un peso di 30-40 kg), un dirigibile con una Wescam, speciale telecamera giro-stabilizzata, posizionata sotto il dirigibile ed azionata dall’interno da un operatore. Il segnale è stato trasmesso via radio, in HD, verso la regia che coordina la trasmissione. 90 i chilometri di cavi “stesi” per il passaggio del segnale video a cui si aggiungono 25 chilometri di fibra per il segnale audio.

Per Sky un impegno importante: ogni trasmissione 3D che verrà realizzata avrà una produzione dedicata con telecamere, staff della produzione e della messa in onda, talent e commentatori. “La scelta di investire costantemente in innovazione è uno dei pilastri su cui poggia il successo di Sky – ha dichiarato Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia – e il 3D, a cui peraltro già più della metà dei nostri abbonati potrà accedere dotandosi semplicemente di un televisore 3D, è un altro grande passo avanti per offrire sempre il meglio della programmazione con tecnologie che esaltano l’esperienza televisiva. È inoltre motivo di grande orgoglio per Sky poter aggiungere un tassello così importante nella storia della televisione italiana, soprattutto perché il 3D rappresenta una grande occasione per stimolare la crescita economica e l’industria culturale di questo paese e per creare nuove professioni e nuovi posti di lavoro”.

LA7

Anche il gruppo Telecom con La7 si sta muovendo sul fronte delle trasmissioni tridimensionali. Verranno messi in onda i “test match” della nazionale italiana di rugby, a partire dal 13 novembre. E saranno le prime trasmissioni gratuite in 3D, sia sul digitale terrestre che sui canali via internet, preludio a una programmazione più completa nei prossimi mesi.

ALTRE TV

Per adesso è lo sport a dominare la scena. Lo scorso gennaio Sky Uk ha trasmesso in 3D la partita Arsenal-Manchester United di Premier League in alcuni pub del Regno Unito. Ad aprile è stato lanciato il primo vero e proprio canale in 3D destinato ai locali pubblici (erano un migliaio il giorno dell’inaugurazione i pub abbonati a Sky 3D in occasione di Manchester United-Chelsea, giocata il 3/4 per il campionato). Due giorni prima della diretta italiana, il primo ottobre, Sky Uk ha lanciato il canale 3D per tutti i propri abbonati. Ma anche in America la tv si sta aggiornando: alcuni mesi fa Direct Tv ha avviato il servizio 3D con un canale di cinema e con Espn 3D, il network sportivo che ha trasmesso 25 incontri dei Campionati del Mondo di calcio in Sudafrica.

Fabio Traversa

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna