You are here:

Quale aria ci tocca respirare oggi? Un clic e lo sappiamo in un attimo

Email

Sul portale “tuttocitta.it” iniziativa tra Seat Pagine Gialle e il sito “lamiaaria.it”.

Non solo mappe, percorsi e indicazioni su meteo, trasporti e strutture di accoglienza. Sul sito tuttocitta.it è possibile da alcune settimane cercare informazioni e previsioni sulla qualità dell’aria per ciascuno degli oltre 8.000 comuni italiani.

Questo grazie alla partnership tra il Gruppo Seat Pagine Gialle, responsabile del portale (così come di paginegialle. it e paginebianche.it), e il sito specializzato lamiaaria.it.

È sufficiente cliccare sull’apposita icona “qualità dell’aria” ogni volta che si consulta la mappa di un comune per informarsi sul livello dell’inquinamento atmosferico e conoscere le previsioni relative ai quattro giorni successivi. Sono sette le “classi” di definizione dello stato dell’aria (eccellente, accettabile, mediocre, insalubre per gruppi sensibili, insalubre, molto insalubre e pericolosa): ciascuna di esse è segnalata con un colore diverso.

È possibile anche (ma solo su lamiaaria.it) approfondire il livello di ricerca, per “indice di qualità”, selezionando cioè un tipo di inquinante (ozono O3, polveri sottili PM10, biossido di azoto NO2, biossido di zolfo SO2, monossido di carbonio CO). Come però per le previsioni meteorologiche, dobbiamo considerare con cautela i dati proposti, frutto di simulazioni modellistiche e basati su molte variabili (tra cui condizioni meteo e clima). È possibile poi inserire gratuitamente su portali e blog le previsioni de lamiaaria.it (per scoprire come, basta consultare il sito).

“Da sempre ci poniamo l’obiettivo di fornire informazioni aggiornate e complete”, ha spiegato Maria Bruna Olivieri, Direttore Businnes Unit Web & Mobile di SEAT Pagine Gialle, aggiungendo che “la partnership con lamiaaria.it è un passo che va proprio in questa direzione e ci consente di completare la gamma di servizi offerti da tuttocitta.it con una nuova informazione estremamente utile e facilissima da consultare”.

Andrea Buono

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna